Paura di (re)ingrassare

#dieta #comportamentoalimentare #pauradiingrassare #obesita #sovrappeso #dietadimantenimento #psicologia #psicologiadellalimentazione #ciboemotivo #ansia #pensierintrusivi #immaginecorporea #autostima


Spesso dopo una dieta ferrea o dopo qualche anno da un intervento di #chirurgiabariatrica (e quindi dopo aver perso del peso) si vive con la paura di ingrassare, anche quando la bilancia non riscontra aumenti di peso. E allora da dove viene questo timore? Una persona che ha effettuato un percorso psicoeducativo adeguato dovrebbe avere quella consapevolezza di sè e quelle conoscenze alimentari necessarie per rimanere con serenità normopeso a vita. Ne consegue che, quindi, o non è stato fatto adeguatamente un lavoro, sia di educazione in termini stretti che di consapevolezza sui propri meccanismi che hanno portato ai kg di troppo, o...cos'altro può esserci? La prima cosa che vorrei dire è che se si ha molta paura di ingrassare probabilmente non accadrà proprio grazie a questo; però si continuerà a vivere nella paura di ingrassare, di mangiare male, di non avere il controllo e via dicendo. Vi sembra più accettabile? Quando è diventato un "problema di ossessività"? Parlo di ossessività in quanto il contenuto è il cibo e il corpo, ma si tratta sempre di ansia. Ansia che si esprime come preoccupazione eccessiva per il corpo e il cibo. In questo modo dalla preoccupazione eccessiva e costante per il proprio corpo ne deriva l'illusione ben radicata che per eliminare quel senso di insoddisfazione bisogna modificare il proprio aspetto...un circolo vizioso che, ahimè, si autoalimenta.Obesità e anoressia in fondo non sono altro che due facce della stessa medaglia..

1 visualizzazione

Caterina Zanusso​

C.F. ZNSCRN82L44B107X

P.IVA 04825530282

Iscritta all'Ordine degli Psicologi del Veneto con il numero 8654